news
 
 

CONTRASTO ALLA DISPERSIONE – CONCLUSIONE DI DUE ANNI DI RICERCA NELLE SCUOLE SECONDARIE SUPERIORI

E’ stato messo a punto un progetto di contrasto alla dispersione scolastica di cui è stata verificata l’efficacia nel corso di oltre due anni di ricerca, impegnando nell’ambito di Roma e provincia 25 scuole secondarie superiori di varie tipologie (Licei Classico, Scientifico, Artistico, Linguistico, Bilingue, Scienze Applicate, Scienze Umane; Istituti Tecnici Amministrazione, Finanza e Marketing, Costruzione, ambiente e territorio, Tecnologici, Agro-industriali, Istituti Professionali di vario indirizzo). Il progetto si è realizzato con la partecipazione attiva di circa 50 docenti referenti e di un CTS composto di dirigenti scolastici, docenti e ricercatori universitari e ha coinvolto un campione iniziale di circa 2.000 studenti, prevalentemente iscritti al 1° anno.

La consultazione di un’ampia letteratura internazionale (banca dati di oltre 100 tra articoli e volumi utilizzati) ha consentito di individuare tre aree privilegiate d’intervento: Area A: rischio accademico: studenti con scarso rendimento scolastico; Area B: rischio socio-culturale: studenti che vivono una condizione socio-culturale difficile (modelli culturali non standard, portatori di handicap, immigrati recenti); Area C: rischio comportamentale: comportamento socialmente inadeguato (p. es.: segnalato da voto in condotta e sanzioni disciplinari).

Per tutte e tre le aree menzionate il CTS conosceva, da precedenti progetti finalizzati alla selezione e alla pubblicazione delle “buone pratiche”, tipologie d’intervento efficaci e certamente realizzabili con i mezzi ordinari a disposizione delle scuole. I ricercatori universitari hanno predisposto strumenti di rilevazione e di supporto alle “buone pratiche” per diffonderle fra tutte le scuole aderenti al progetto e per valutarne l’efficacia in contesti diversi, determinati dalla varietà tipologica di scuole e indirizzi e dei contesti urbani (solo nel secondo anno sono stati coinvolti 12 municipi della città di Roma e otto comuni della Provincia). I metodi d’intervento e di ricerca sono stati oggetto di vari seminari, accompagnati da attività pratiche, a cui hanno partecipato in gran numero i docenti coinvolti.

La componente universitaria del CTS, coordinata da Lucia Boncori, ha scelto o predisposto appositamente gli strumenti per la raccolta delle informazioni, somministrato nelle scuole il questionario Focus 13 con la collaborazione degli psicologi specializzandi in “Valutazione psicologica e counselling” presso Sapienza, Università di Roma, costruito una banca dati particolareggiata e articolata secondo la progressione dei tempi scolastici ed infine sottoposto i dati ad elaborazioni statistiche sia descrittive sia inferenziali. L’elaborazione dei dati ha evidenziato che l’area prioritaria d’intervento è di tipo motivazionale, finalizzata prioritariamente alla costituzione di vere e proprie comunità scolastiche, di cui gli studenti si sentano parte integrale, e all’incremento della motivazione per l’apprendimento, dell’attivazione personale degli studenti per il proprio futuro lavorativo e della loro capacità di utilizzare al massimo le risorse del proprio ambiente (“resilienza”). Su questa base sono state individuate le strategie didattiche, valutative e auto valutative più efficaci, descritte particolareggiatamente dai docenti. I problemi del comportamento, molto rilevanti soprattutto in alcune zone, si sono notevolmente attenuati nella misura in cui venivano potenziati gli interventi nell’area motivazionale (prima) e didattica (poi).

Nel volume Il Salvascuola (L. Boncori, 2014) vengono date linee guida e supporti molto concreti per realizzare interventi nella scuola facilitati dall’utilizzazione di Focus: orientamento e ri-orientamento, contrasto alla dispersione, inclusione, Bisogni Educativi Speciali, prevenzione del disagio e del bullismo. Sono anche riferiti i risultati ottenuti con l’uso di Focus in numerose scuole secondarie.


SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN VALUTAZIONE PSICOLOGICA E CONSULENZA (COUNSELLING)
Dir. Prof. Lucia Boncori

SEMINARIO DI STUDIO
VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE DELLE RISORSE UMANE NELLE ORGANIZZAZIONI PUBBLICHE E PRIVATE

27 Maggio 2009

Sapienza Università di Roma – Palazzo del Rettorato - aula del Senato accademico
P.le Aldo Moro 5

Obiettivi generali:

  • Mettere in comune la conoscenza delle principali tecniche e strumenti attualmente impiegati da grandi strutture per il reclutamento e la selezione del personale
  • Confrontare pratiche di selezione del personale per differenziati target
  • Sviluppare le competenze orientative
  • Promuovere la cultura della formazione continua in azienda
  • Individuare gli elementi costitutivi per favorire il benessere organizzativo e prevenire fenomeni patogeni

Il seminario si basa su alcuni elementi fondanti:

  1. la selezione del personale deve garantire sia il buon funzionamento dell'Ente o Azienda che assume sia la tutela e il rispetto delle persone che aspirano a un posto lavorativo
  2. l’orientamento può apportare un notevole contributo allo sviluppo dell’apprendimento permanente per i lavoratori incoraggiandoli ad accedere alle opportunità formative;
  3. è essenziale che la formazione e l’orientamento siano erogati in modo continuativo per fornire un contributo effettivo allo sviluppo dell’apprendimento permanente dei lavoratori
  4. nell'ambito della formazione continua possono essere inseriti interventi che prevengono lo stress lavorativo e favoriscono il benessere
  5. soddisfazione personale e successo lavorativo sono correlati.

Il numero e la qualità degli interventi ha consigliato di dedicare l'incontro del 27 maggio esclusivamente alle tematiche elencate nei primi tre punti, riservando le successive per un prossimo incontro.

ADESIONI AL SEMINARIO

Hanno aderito al progetto del seminario, assicurando la partecipazione personale o di altri appartenenti alla stessa struttura:

Gen. C. D. Apostolo
Direttore del Centro Nazionale di Selezione e reclutamento dell'Arma dei Carabinieri
Ten. Col. Paolo Cianci
Capo Ufficio Reclutamento e addestramento della Guardia di Finanza
Dott. Giovanni Cuomo
Direttore Generale della Sanità della Polizia di Stato
Ten. Col. Pio De Rosa
Dirigente Ufficio di Psicologia Applicata - Previmil
Ten. Col. Filippo Di Pirro
Stato Maggiore dell'Esercito Italiano
Dott. Denise Ferravante
Ricercatrice ENEA
Dott. Ferri
Dirigente superiore del Centro di selezione psicotecnica della Polizia di Stato
Dott. Luigi Lucchetti
Dirigente della Sanità della Polizia di Stato
Ten. Col. Luigi Iacono
Accademia Aeronautica di Pozzuoli
Magg. Danilo Panico
Scuola Ufficiali - Arma dei Carabinieri
Dott. Daniela Pavoncello
Ricercatrice ISFOL

Riproduciamo l'indice degli Atti, che saranno pubblicati in settembre.

PARTE I
TEMI RIGUARDANTI LA SELEZIONE DEL PERSONALE

POSIZIONE PROFESSIONALE A CUI MIRANO LE SELEZIONI E PROPORZIONE NUMERICA CANDIDATI/SELEZIONATI
LA SEQUENZA DELLE PROVE O «FILTRI»
QUALIFICA PROFESSIONALE DEGLI ADDETTI ALLA SELEZIONE
CONCLUSIONE DELLA VALUTAZIONE SELETTIVA: GIUDIZIO E/O DIAGNOSI
GLI STRUMENTI USATI PER LA SELEZIONE
Test usati per la selezione
Test sulle competenze minime e di cultura generale
Test cognitivi
Test di personalità - questionari

Strumenti cartacei aggiuntivi
Colloquio e test proiettivi

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

PARTE II
RELAZIONI SU TEMATICHE SPECIFICHE

PSICOPATOLOGIA DELLE TOSSICODIPENDENZE NELLA SELEZIONE DEL PERSONALE
(dott. Luigi Lucchetti)

L'ORIENTAMENTO NELLE AZIENDE ITALIANE. I RISULTATI DI UNA RICERCA
(dott. Daniela Pavoncello e dott. Daniela De Gregorio)

SUCCESSO E SODDISFAZIONE DELLA CARRIERA ACCADEMICA: STUDI DI PREDITTIVITÀ DI INTERVENTI DI ORIENTAMENTO (Prof. Lucia Boncori, Dr. Ph.D. Assunta Marano, Dr. Arianna Ceroni)